Reset filtri
Tempo medio di risposta: 79 ore
Categoria: Proprietà
Salve, vorrei chiedere gentilmente informazioni relative alla possibilità di affittare regolarmente una stanza abitabile di un appartamento acquistato con un mutuo. Il caso più classico è quello in cui all'interno di una coppia uno dei due intenda comprare casa con un mutuo e intestarsi interamente l'immobile, mentre l'altro vada semplicemente a convivere con il proprietario/convivente dell'appartamento su cui grava il mutuo. Ammettendo che si tratti dell'acquisto con mutuo della prima casa non di lusso, e che quindi ci siano delle agevolazioni, a) esiste per il proprietario la possibilità di affittare una stanza abitabile ad un'altra persona?, b) se sì, è possibile continuare a godere degli stessi vantaggi in termini fiscali per l'acquisto della prima casa?
La risposta è affermativa. L'importante è che il proprietario mantenga la residenza nell'appartamento acquistato, poichè questa è la condizione per godere delle detrazioni fiscali sugli interessi passivi del mutuo e delle agevolazioni comunali in materia di imposizione fiscale sulla prima casa di abitazione.
Categoria: Locazione
Buongiorno vorrei sapere se si può fare un contratto a studenti per tutto l'appartamento (cioè non a camere) mantenendovi la residenza. Nel contratto posso indicare il canone e un importo di spese riscaldamento e condominio forfettario mensile separato e farmi fare un bonifico che comprenda la somma dei due? Grazie in anticipo.
Sulla prima domanda non esiste una risposta univoca. Quella formale è negativa in quanto la residenza deve corrispondere alla "dimora abituale", ma in realtà l'atteggiamento degli uffici comunali, in merito ad IMU o TASI, non sono mai precise. Per la seconda la risposta è affermativa, purchè nel contratto per le spese condominiali venga indicata la formula "salvo conguaglio"
Categoria: Studenti
Buongiorno, mi sto informando per fare il contratto ad una studentessa, una camera di 16 mq appartamento zona b con 4 parametri. Ho fatto il conto applicando i parametri degli accordi concordato e mi viene pochissimo. Insomma mi chiedo com'è possibile che si vedano richiesta di affitti camera da 300 a 400 euro forse non applicano il contratto per studenti? (che mi pare di capire utilizza il canone concordato degli accordi territoriali?) o mi sfugge qualcosa? Grazie in anticipo
Affittando a canone concordato una singola stanza, alla superficie della stessa va aggiunta la quota parte degli spazi comuni. Ciò premesso posso dire che a volte le stanze sono affittate a canone libero o, com'è probabile assai più frequentemente, in nero.
Categoria: Studenti
Buongiorno, vorrei affittare una stanza della casa in cui ho la residenza a una studentessa. So che esiste una forma di contratto per studenti ma siccome lei non ha reddito devo intestarlo a un genitore? E se invece lo intesto a lei come fare per avere la garanzia sul pagamento? Pensavo di non chiedere la fidejussione bancaria, in mancanza di questa come mi tutelo? Le chiedo anche se è ancora obbligatoria l'APE per affittare. Molte grazie
Può intestare il contratto direttamente alla studentessa, inserendo i genitori come garanti. Direi che l'APE sia necessaria trattandosi di locazione abitativa, ancorché limitata ad una porzione di immobile.
Categoria: Contratti
Buongiorno, vi scrivo per due motivazioi distinte 1. avendo affittato due appartamenti nel corso degli ultimi 4 anni ho avuto delle complicazioni, in merito alle quali qui ho trovato utili aiuti, ma è rimasta ancora una irrisolta. Nei vostri consigli dite di verificare lo stato degli elettrodomestici se dati e (ho scoperto a mie spese) dell'impianto idraulico, degli scarichi... Se all'attacco delle utenze io scopro che degli scarichi sono otturati, che il forno o il frigorifero sono così datati che le guarnizioni non fanno il loro dovere o addirittura sono in pare guasti.. Come posso fare?! Io pensavo di chiedere l inserimento nel contratto di una clausola di risoluzione nel caso in cui ci siano questa tipologia di inconvenienti e il proprietario si rifiutasse di risolverli (dall idraulico quindi, lla sostituzione degli elettrodomestici) Ma in questo caso però perderei comunque la commissione all'agenzia, giusto? Inoltre, come ci si tutela da quelle assurde pretese di ritinteggiamento? Sebbene nel contratto ci fosse scritto che sono date non tinteggiate, ho dovuto discutere per due mesi prima di riottenere la mia caparra; rano "ingiallite2 mi veniva detto.. assurdo, inoltre affermava che sul contratto non c'era scritto che lui NON poteva chiedere una tinteggiatura... come posso tutelarmi? 2. Quando si parla di spese di condominio spesso i proprietari non ne vogliono nemmeno sentire parlare L'ultimo affitto in corso ho avuto il problema che mi è stato presentato il consuntivo di 500 euro l'anno.. peccato che dopo aver preso possesso dell'appartamento l'amministratore mi ha detto che dovrò pagare tre rate annuali anticipate maggiorae e poi a fine anno ci sarà il rimborso eventuale; e sì, solitamente sono 500 euro, ma non si può prevedere.. A lei non interessava nulla di quello che mi aveva detto il proprietario. Perciò, posso pretendre, una volta scelto l'appartamento, nelle condizioni della caparra di voler conoscere il regolamento di condominio e solo se lo accetto ritenere valida la proposta di affitto inoltrata? Vi faccio questa domanda perchè purtroppo a causa di una condizione detta verbalmente (e non scritta nella proposta con caparra) mi hanno girato la frittata e si sono tenuti i soldi: il proprietario non ha accettato la condizione ma non essendo scritta lui i soldi se li è presi e mi ha detto di sbrigarmela con l agente immobiliare che ovviament, con la faccia tosta, mi ha detto che avrei dovuto scriverlo. 3. Per agevolare gli spostamenti ho deciso di ritentare la ricerca di un affitto a bologna; si dico ritentare perchè il secondo anno della riennale ho provato a cercare ma non ho trovato un briciolo di serietà. Io vorrei una zona tranquilla e sicura. Attualment sebbene impieghi un0ra e mezza per giungere a bologna mi trovo in un complesso residenziale dove puoi uscire alla sera senza timori, dove arrivata una certa ora tutti hanno rispetto e in caso di problmi si riesce a risolvere per bene; ovviamente un agente immobiliare non può conoscere tutta la gente che ci vive dentro, però propormi la zona del centro come silenziosa.. o le vicinanze della stazione centrale come sicura.. Io non vivo a bologna ma l'ho requentata e conosco gente che ha abitato in determinate zone.. e queste informazioni mi sono state smentite alla grande. Grazie, a disposizione per ogni chiarimento. Vorrei sottoscrivere un contratto per trascorrere degli anni tranquilli
L'aspirazione mi sembra legittima ed è questo il senso di una serie di indicazioni contenute nel sito. Non posso che confermarle: la garanzia in assoluto purtroppo non c'è mai, però posso dire che con una visita attenta all'appartamento,un pò di cautela e qualche formula ad hoc da inserire in contratto è più improbabile ricevere sorprese.