Reset filtri
Tempo medio di risposta: 84 ore
Categoria: Studenti
Salve, sono conduttore insieme ad altri 3 ragazzi di un appartamento preso in locazione con contratto 4+4. Nel testo contrattuale si fa menzione del recesso (riproducendo l'art. 4 l.392/78) del "conduttore" e non si parla invece di recesso parziale. I conduttori, si aggiunge, "accettano il contratto in solido". Qualora uno di noi 4 volesse recedere parzialmente, tale recesso avrebbe effetto?
Uno dei coinquilini può uscire dal contratto con atto di recesso parziale sottoscritto dal locatore e da coloro che restano, i quali si assumono in toto gli obblighi contrattuali. Se l'uscito viene sostituito occorre nella stessa forma atto di subentro parziale.
Categoria: Fisco
Buongiorno, sono una proprietaria, a settembre ho stipulato un contratto concordato studenti (utilizzando il modello scaricato dalla legge) per una stanza singola a una studentessa, mi ha detto che con l’anno nuovo se ne va. Il contratto vale un anno, che cosa devo fare? La ringrazio anticipatamente.
Se si chiude il contratto anticipatamente, cioè prima della naturale scadenza di un anno, bisogna fare comunicazione di risoluzione all'Agenzia delle Entrate, costo € 67,00; se in cedolare il costo è zero, ma va comunque comunicato.
Categoria: Fisco
Buongiorno. Ho il seguente quesito di natura fiscale: abitiamo in una casa composta da tre appartamenti, in uno abitiamo noi, in un altro abita mia suocera. La proprietà complessiva è attualmente del 75% di mia suocera e del 25% della figlia(mia moglie) dopo la successione, poichè era tutto in comunione dei beni dei miei suoceri. I singoli appartamenti non sono quindi proprietà esclusiva di alcuno. Abbiamo fatto lavori straordinari di ristrutturazione con regolari fatture allegate alla dichiarazione dei redditi per le note agevolazioni fiscali. Alcuni dicono che avremmo dovuto avere il codice fiscale come un condominio (con tutti gli adempimenti conseguenti...) e che abbiamo commesso irregolarità, altri invece dicono che la casa non si configura come condominio perchè non ci sono parti assegnate ad uso esclusivo ma continua ad essere una comunione di bene e quindi ci siamo comportati bene. Per piacere, qual'è la verità?
Debbo dire che con una mail è difficile rispondere. A occhio serviva il codice fiscale del condominio se sono stati fatti lavori su parti comuni , che può significare di tutto tipo muri esterni , cortile , caldaia comune etc. Secondo me serve una consulenza ad un CAF dove fa vedere la documentazione , la divisione della proprietà , bonifici , fatture ,tipologia di lavori etc.
Categoria: Locazione
Ciao ho una amica che ha due figli e ha perso il lavoro, abita in un alloggio acer in via del lavoro. Ha circa 4000 euro di affitto arretrato. Esiste una forma di sostegno per mettersi in pari ed evitare lo sfratto? grazie.
Le può consigliare di rivolgersi al Microcredito gestito da ASP Bologna, dove esiste un fondo casa per piccoli prestiti.
Categoria: Impianti
Salve, avrei bisogno di sapere quale è il regolamento nazionale/regionale in merito alle spese dell'ascensore. L'amministrazione del condominio dove affitto un appartamento mette la totalità delle spese compresi interventi straordinari a carico dell'inquilino. Fino a due anni fa, le spese erano "fisse" in quanto comprendevano solo la forza motrice e il servizio di controllo e gestione annuale. Nei due anni recenti, l'ascensore, che in realtà è una piattaforma elevatrice installata fra l'altro dopo che abbiamo firmato il contratto di affitto, si è rotto parecchie volte comportando un aumento considerevole delle spese (70% in più). L'amministrazione del condominio non le divide però secondo la regola dei lavori ordinari/straordinari. Prima di pagare una consulenza, vorrei sapere se le spese dell'ascensore sono di regola a carico dell'inquilino. Vi ringrazio
Di norma le spese a carico dell'inquilino so quelle relative al normale funzionamento dell'impianto di ascensore: forza motrice, contratto di manutenzione, piccole riparazioni. Questo ovviamente salvo diversi accordi, che, però, devono essere espressamente indicati nel contratto.