Reset filtri
Tempo medio di risposta: 102 ore
Categoria: Contratti
Buon giorno, mi interessa sapere che Accordo territoriale applicabile nel Comune di Bologna per i contrati d'affitto a canone concordato va citato al momento della stipula del contratto (quello del 2008 o quello del 2013) e se mi può fornire la dicitura esatta im merito. La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti, Natasa
Nel 2014 l'accordo è stato reso unico per tutta l'Area Metropolitana, per cui può usare la formula che segue: "Il canone annuo di locazione, secondo quanto stabilito dall'Accordo locale definito tra ASPPI, UPPI, CONFABITARE, AIPI-CONFAPPI, APPC, UNIONCASA, FOND. FALCIOLA, COOP NUOVO MONDO, SUNIA, SICET, UNIAT, UNIONE INQUILINI, CONIA, e depositato il 23 giugno 2014 presso il Comune di BOLOGNA, è convenuto in €.....
Categoria: Locazione
Buongiorno io lavoro part time lavoro come cameriera ai piani ho bisogno di un alloggio ma non poso affittare una casa dalle agenzie che ho stipendio baso come poso avere una casa in affitto una amica mi ha detto che in via amatore sciesa 14 ce un appartamento che è da acer e si può pagare un po' meno di affitto . se mi può dare una informazione . Tante grazie
Per entrare in uno degli alloggi gestiti da ACER bisogna entrare in una graduatoria dopo avere presentato la domanda. Per la domanda serve la dichiarazione ISEE, poi rivolgersi al SUNIA 0516087100
Categoria: Locazione
Buonasera, sono una giovane lavoratrice e sto cercando un appartamento a Bologna, che è la mia sede di lavoro ma non la mia città di residenza, che vorrei condividere con tre amici. Ho trovato un appartamento per il quale però il proprietario vorrebbe un solo intestatario (pur registrando comunque l'intera cifra pagata per l'appartamento). Se io fossi l'intestataria questo mi renderebbe subaffittatrice (anche se io mi limiterei a raccogliere le quote di affitto degli altri inquilini senza ovviamente ricavarne guadagno)? Esiste un modo per registrare gli altri inquilini senza dover stipulare nessun contratto? Grazie, Jessica
Sarebbe meglio un contratto cointestato perché così sareste tutti solidalmente obbligati al rispetto del contratto. Ci sono proprietari che preferiscono intestare il contratto ad uno solo per non avere tanti interlocutori. Questa soluzione complica però la vita a tutti, perchè l'intestatario essendo l'unico formalmente obbligato rischia di rimanere con il cerino in mano se qualcuno degli altri è inadempiente; questi peraltro relativamente alla gestione del contratto dovranno stare alle scelte dell'unico contraente.Dal punto di vista formale non c'è soluzione regolare diversa dal contratto di subaffitto legato alla locazione principale.
Categoria: Condominio
salve, sono una studentessa e divido un appartamento a bologna con altre 4 persone (siamo tutti domiciliari, nessun residente). Abbiamo ricevuto la prima bolletta dell'acqua ed è risultata veramente molto alta. Abbiamo chiesto spiegazioni all'agenzia della lettura dei nostri contatori e ci sono stati riferiti due problemi: 1- la bolletta risulta particolarmente alta perché è stato calcolato un prezzo agevolato per un solo residente; essendo noi in cinque in appartamento sforiamo molto e le eccedenze hanno prezzi molto elevati. 2-il costo maggiore è quello dell'acqua calda, in quanto il prezzo è stato concordato dal nostro amministratore condominiale (10 euro al mq); in questo prezzo dovrebbero essere comprese, secondo un'impiegata dell'agenzia della lettura, quote del teleriscaldamento condominiale, e noi paghiamo già al nostro proprietario di casa le spese condominiali comprensive di riscaldamento centralizzato. E' possibile che per qualche motivo stiamo pagando più del dovuto?
Le tariffee dell'acqua in effetti sono legate al numero dei componenti che dovreste segnalare alla società di lettura.Per l'altro problema, posto che il costo dell'acqua calda comprende il costo dell'acqua e quello del suo riscaldamento, dovreste verificare che l'importo pagato per scaldare l'acqua vi venga detratto dalla spesa del riscaldamento.
Categoria: Proprietà
Buongiorno, ho appena acquistato un appartamento dove è stata scoperta una perdita di gas esterna da un tubo che da casa mia passa sotto il giardino condominiale fino al contatore. Tale perdita l'ha scoperta la hera alla verifica prima di allacciare il nuovo contatore ed è stata confermata dal l'idraulico. Per cambiare il tubo che perde bisogna scavare con un escavatore in giardino con un notevole costo. Chi dovrà pagare questi lavori? Grazie Tanya
In merito al suo quesito, in linea di massima posso dire questo. il costo della riparazione al tubo gas o è di competenza HERA (di norma fino al contatore occorre vedere i termini del contratto HERA) o degli intestatari delle utenze collegate. - se esiste un regolamento di condominio occorre verificare se riporta clausole che possono interessare questo lavoro - se il suo venditore ha omesso di indicare tale guasto pur essendo di sua conoscenza potrebbe rivalersi su di lui (leggere il rogito)