Reset filtri
Tempo medio di risposta: 106 ore
Categoria: Fisco
Buon giorno, sono un ragazzo di 27 anni, devo staccarmi dal nucleo famigliare e prendere casa da solo. percepisco sotto i 14 mila euro annui di reddito e non pago irpef. vorrei capire quali agevolazioni e come ottenerli, le caratteristiche della casa che andrò a trovare e tutti i requisiti per favore.
Le indico di seguito le detrazioni fiscali per gli inquilini ricordando che, se la detrazione risulta superiore all’imposta lorda, diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia e delle altre detrazioni relative a particolari tipologie di reddito, chi presta l’assistenza fiscale riconoscerà un credito pari alla quota della detrazione che non ha trovato capienza nell’imposta. (contratti liberi) ? 300,00 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro ? 150,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non superiore a 30.987,41 euro 2 (contratti concordati) ? 495,80 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro ? 247,90 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non superiore a 30.987,41 euro 3 (giovani inquilini) 991,60 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro 4 (inquilini di alloggi sociali) ? 900 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro ? 450 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non superiore a 30.987,41 euro E72 (lavoratori trasferiti) ? 991,60 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro ? 495,80 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non superiore a 30.987,41 euro
Categoria: Locazione
Sono una studentessa e vivo in un appartamento a Bologna. Un mese fa abbiamo avuto una perdita considerevole dal doccino della vasca da bagno: chiudendo i rubinetti l'acqua continuava ad uscire. Abbiamo avvisato la proprietaria che ci ha detto di procedere e quindi di chiamare un idraulico. L'idraulico è venuto il giorno stesso e ha risolto il problema dicendo che la vasca e l'impianto sono molto vecchi e che il problema era interno al muro (essendo il gruppo montato internamente e non esternamente come nelle vasche odierne): quindi ha riparato il danno e sostituito i rubinetti. Sottolineo che il doccino non è stato sostituito quindi il problema non era relativo ad esso (in questo caso sarebbe stata nostra competenza provvedere alle spese per la sostituzione). Abbiamo comunicato alla proprietaria l'importo pagato e Lei ha risposto circa dopo 15 giorni: ad oggi sostiene di non volerci restituire tutto l'importo da Noi anticipato ma soltanto una parte in quanto considera la cifra troppo alta. Aggiungo anche che non abbiamo nessun contatto escluso il Suo e che durante la giornata abbiamo provato a chiamarla più e più volte. La domanda è la seguente: a chi compete questa spesa?
La spesa spetta alla proprietaria. Sarebbe stato meglio però usare una procedura diversa, per evitare il problema che vi trovate ora. Era meglio quindi che l'idraulico l'avesse mandato la proprietaria, oppure che l'aveste interpellata prima di fare eseguire l'intervento. A questo punto non resta che chiedere il rimborso evidenziando l'urgenza dell'intervento, anche per evitare ulteriori danni. Sarebbe d'aiuto la nota dell'idraulico.
Categoria: Locazione
Vorrei sapere se esiste un ufficio che mi puo' controllare se in Contratto di affitto che ho stillato (io sono uno dei Locatori) e prima della registrazione all'Agenzia delle Entrate e' giusto o se ho tralasciato qualche cosa nei vari articoli. in definitiva vorrei fare un contratto concordato e con cedolare secca con durata 6 + 2 grazie Mara Baraldi tel 328 644 94 87
Può rivolgersi al SUNIA chiamando per un appuntamento il n° 0516087100.
Categoria: Locazione
Mio figlio, militare in servizio permanente. residente a Modena.ha intenzione di acquistare la 1^ casa a Bologna ma di non trasferire la residenza per continuare ad assistere noi genitori.Sfruttando l'opportunità di non avere obbligo della residenza in quanto militare di carriera, vorrebbe affittare l'appartamento per 8 anni e poter così dedurre dall'Irpef il 20% delle spese d'acquisto pari a 320000 €.A titolo informativo chiedo: - se è una prassi regolare; - se l'importo deducibile è pari a 3000000 €; - con quale aliquota mi verrà calcolata l'IMU; - a quanto ammonta l'affitto a canone concordato a Bologna, via Felsina (fascia max e min.). Grazie
La domanda è molto complessa e richiede la conoscenza di dati che non sono stati forniti, per cui le suggerisco di prendere un appuntamento al SUNIA chiamando il n° 0516087100.
Categoria: Contratti
buongiorno dobbiamo andare a vivere in una casa in affitto a canone concordato in via castiglione vicino porta. ma ancora non i sa dire quanto sarà l'affitto. siamo un po preoccupati che superi il nostro baget. come faccio a fare il conteggio? grazie rosa
Per fare un calcolo esatto occorre conoscere una serie di elementi che qualificano l'appartamento: dalla superficie, alle dotazioni tecniche.Per un calcolo di stima può rivolgersi al SUNIA chiamando il n° 0516087100