Reset filtri
Tempo medio di risposta: 79 ore
Categoria: Studenti
Buongiorno, vorremmo affittare un'appartamento a studenti con il canone concordato. L'appartamento e' composto da 2 camere, bagno, cucina (di 7,7 mq) e sala. La sala vorremmo escluderla dall'affitto per cui abbiamo fatto i calcoli togliendo dalla metratura totale la sala e meta' del disimpegno che serve per accederci (considerata zona comune). Per il calcolo dell'affitto devo considerare come vani utili il totale di tutto l'appartamento (3 visto che la cucina e' inferiore ai 9 mq) oppure soltanto quelli della porzione affittata (2) ? Ho richiesto una consulenza all'ASPPI di Bologna e loro sostengono che vanno dichiarati i vani totali (cioe' 3), a me la cosa sembra molto strana e vorrei avere una conferma. Grazie e cordiali saluti,
Per come leggo io l'accordo territoriale sui contratti concordati, nel caso di locazione parziale come quello prospettato, bisogna fare il calcolo per l'intero appartamento (quindi con 3 vani e tutta metratura, poi togliere dall'importo una quota percentuale proporzionale alla superficie della porzione di immobile che non viene affittato.
Categoria: Locazione
Salve, da due anni ho affittato un appartamento con un'altra persona e il contratto del suddetto è a nome di entrambe. Quest'estate io sono mancata per ben due mesi (luglio e agosto)dall'appartamento già citato, ma essendo arrivata una bolletta relativa al consumo di energia elettrica (periodo luglio/agosto), mi chiedevo: è giusto che la paghi anch'io? In attesa di una sua risposta, Le porgo i miei saluti ed i miei ringraziamenti.
Premesso che nelle locazioni condivise sarebbe bene fissare comunemente delle regole di convivenza/gestione, in assenza direi che tutte spese vadano suddivise ugualmente. Il caso prospettato, infatti, può trovare analogia con una norma sulla ripartizione delle spese in regime condominiale, che si rifà all'uso potenziale del bene. Sulla base di questo quindi, ai fini dell'attribuzione dei costi, non conta l'uso effettivo, bensì l'uso che se ne sarebbe potuto liberamente fare.
Categoria: Locazione
Buonasera. Sono proprietario a Bologna dell'immobile in cui risiedo (prima casa) e vorrei affittarne saltuariamente una stanza con bagno per brevi periodi (pochi giorni alla volta). Mi sembra che sia sufficiente una scrittura privata tra le parti senza dover registrare il contratto, giusto? Esistono valori massimi per l'affitto come per i contratti a canone concordato? Come dichiarare le entrate sulla dichiarazione dei redditi? Grazie
Se la somma della locazione non supera i 30 giorni in un anno non è richiesta la registrazione. Non ci sono limiti definiti per l'importo del canone. Per gli aspetti fiscali, considerata la particolarità, le suggerisco di sentire ad un CAF o un commercialista.
Categoria: Fisco
Sono affittuario di un appartamento da anni. Paghiamo la Tassa di Registrazione annuale. Il 7 agosto ho rescisso il contratto d'affitto. A settembre devo pagare la Tassa di registrazione. Devo pagare gli 8 / 12 oppure per tutto l'anno ?? Ad ottobre, max, subentrerà un nuovo inquilino che a sia volta farà la registrazione e pagherà la Tassa.
Purtroppo è così. Salvo che non riusciate a fare coincidere cessazione e nuova stipula. Se non riuscite lei oltre alla registrazione annuale dovrà pagare anche per la cessazione (€ 67,00). Ovviamente se il proprietario ha fatto l'opzione per la cedolare secca le registrazioni non hanno costi.
Categoria: Studenti
Buongiorno, in caso di affitto di 2 stanze, con due singoli contratti studenti a canone concordato, per il calcolo della superficie devo mettere oltre alla superficie della camera anche quella delle parti comuni )bagno cucina ecc.) per intero o al 50%? Grazie in anticipo
Certamente la parti comuni vanno considerate: in base agli accordi territoriali, non al 50%, bensì in proporzione alla superficie delle rispettive parti esclusive.